-:  Home  ::  Crea un account  ::  Convenzioni  ::  Contattaci  ::  Cerca  :-
air.it
Benvenuto su :: www.air.it ::
Fondo di Solidarietà
AIR News: on line da lunedì a venerdì dal 1997 ... negli ultimi tre mesi 5.387.944 pagine viste su www.air.it ·
Menu AIR

AIR
:: Chi Siamo
:: Statuto
:: Organigramma
:: Iscrizione
:: Assicurazione
:: Convenzioni
:: Contratto-tipo
:: Registrati
:: Links AIR
:: Collabora
:: Contattaci
:: Scrivici
:: Consigliaci

Anti-Doping
:: Lista Wada

Calendari
:: Calendari Campionati

Regolamenti
:: Old/Giocatori

AIR - News
:: AIR - Associazione
:: AM - A maschile
:: AF - A femminile
:: Arbitri
:: Argentina
:: Australia
:: B - Serie B
:: Beach Rugby
:: C - Serie C
:: AMLIN Chall. Cup
:: CONI
:: Contributi
:: Coppa Italia
:: Curiosità
:: Currie Cup
:: Doping
:: Eccellenza
:: -=FdS=-
:: Federazione
:: F.I.R.L.
:: Francia
:: Galles
:: Giovanili
:: Giudice Sportivo
:: Heineken Cup
:: Inghilterra
:: iRFLeague
:: Irlanda
:: Libri
:: L.I.T.R.
:: Lutto
:: Mercato
:: NAZ - Maggiore
:: NAZ - Seven
:: NAZ - A
:: NAZ - Emergenti
:: NAZ - F
:: NAZ - U 21
:: NAZ - U 19
:: NAZ - U 18
:: Nuova Zelanda
:: OLD
:: RIO2016
:: Rugby Championshp
:: Ranking
:: Guinness Pro12
:: RWC '11
:: RWC '15
:: RWC ' U20 - 15
:: Sudafrica
:: Scozia
:: Sei Nazioni
:: Super 14
:: Super 15
:: Test Matches
:: Tornei
:: Tre Nazioni
:: TRF ECC
:: TV & Radio
:: Under 19
:: Under 20
:: Under 21
:: Universitari
:: Vigili del Fuoco
:: Wheelchair Rugby
:: World Rugby
:: World Rugby U19
:: World Rugby U20
:: World Rugby U21


:: Interviste ::

La Città Nascosta

Passione Rugby

BCC
Banca di Credito
Cooperativo di
Roma



FIR Media

Gadget AIR


L.I.B.R.

Il Ciar

Italia Rugby League


 
ECCELLENZA 24/03/15 - ECC - Dieci domande a...Dario Subrizi
Pubblicato daredazione il 24-03-2015 alle 20:59:07

Dario Subrizi

Nonostate la sconfitta contro le Fiamme Oro al Fattori, L'Aquila Rugby continua a mettere impegno in ogni incontro dimostrando di appartenere al campionato di Eccellenza.
Abbiamo intervistato Dario Subrizi.





(L'Aquila Rugby Club)

(1) Parliamo dell'ultimo incontro al Fattori contro le Fiamme Oro, che partita è stata.

E' stata una partita molto fisica determinata dal campo molto pesante che ha permesso di giocare poco e di fare passaggi molto stretti. Le Fiamme Oro stesse sono una squadra fisica, sono, secondo me, l'unica squadra del campionato di Eccellenza composta da professionisti visto che hanno intere giornate per allenarsi.

(2) Ci sono stati dei momenti molto importanti all'interno della partita, ad esempio dopo l'avvio a favore delle Fiamme, sullo 0 a 13 L'Aquila è riuscita ad arrivare a fine primo tempo con un punteggio di 10 a 16. Nella ripresa, poi, i neroverdi sono tornati in campo molto determinati anche se c'è stata una meta persa a causa del fango, insomma L'Aquila Rugby aveva tutti i presupposti per fare suo il risultato?

Si, secondo me si. Siamo stati sfortunati in due situazioni diverse. Il campo non era dei migliori, loro sono riusciti a segnarci perchè un nostro giocatore è scivolato e sono stati bravi a recuperare la palla e schiacciare nella nostra area di meta. In una situazione, invece, di due contro due ci siamo fatti bluffare sulla touche. Sono stati 14 punti pesanti questi. Loro stati più capaci di noi a sfruttare a loro vantaggio due situazioni.

(3) Ascoltando i tuoi colleghi delle altre squadre, nonostante le difficoltà che avete incontrato e la posizione che vi trovare ad occupare in classifica, non venite mai sottovalutati. Perchè non è facile affrontare L'Aquila Rugby?

Penso che chi indossa la maglia dell'Aquila Rugby non indossa una semplice maglia ma anche l'eredità che hanno lasciato moltissimi giocatori, i quali hanno fatto la storia del rugby italiano. Automaticamente i giocatori neroverdi sono giocatori che hanno carattere. Questo carattere viene trasmesso dagli allenatori, dalla gente che si incontra, da tutti quelli che masticano rugby nella città aquilana stessa. Tutto questo crea una corazza e chi indossa questa maglia sa' che deve sempre dare il tutto per tutto.

(4) Mancano quattro giornate alla fine della regular season, dall'inizo del campionato fino ad oggi che cosa è cambiato nell'Aquila Rugby.

I giocatori sono molto più fiduciosi negli schemi e nelle proposte degli allenatori. Sono riusciti ora ad entrare di più nei meccanismi. Siamo riusciti ad entrare nel vivo del gioco anche se è un po' tardi, spero però che non lo sia troppo.

(5) Qual'è invece quel qualcosa che manca, che dovrete cambiare per migliorare ancora.

Il nostro punto debole sono gli infortuni. Siamo una squadra giovane e questo richiede un sacrificio maggiore e lo paghiamo con gli infortuni perchè un giocatore di diciotto anni non è formato a livello fisico come uno di ventise, ventisette anni. E' come se avessimo metà squadra ferma e questo è il pegno che stiamo pagando per avere una squadra giovane.
Per migliorare dovremo allenarci ancora tanto e molto. Ci vorrà tanto impegno e lavoro soprattutto durante i mesi estivi.

(6) Nonostante tutto questo, nonostante i risultati che sono mancati L'Aquila Rugby merita di restare nel campionato di Eccellenza?

Secondo me è l'Eccellenza che ha bisogno dell'Aquila Rugby. Ci sono squadre che hanno fatto la storia del rugby italiano e L'Aquila è una di queste. E' vero che ci troviamo davanti a una situazione in cui non è facile portare avanti una squadra, anche a livello di budget non possiamo fare investimenti che possono fare altre squadre come ad esempio Rovigo. Si sono creati una serie di meccanismi che rendono difficile le cose per andare avanti. Ci sono squadre che sono colonne portanti del massimo campionato e non possono essere tolte. Sono state tolte Treviso e Viadana, poi quest'ultima è tornata ora ci sono le Zebre ma non c'è il Parma. Non voglio essere polemico ma vendendo anche i risultati della Nazionale maggiore lasciano bene intendere che nel programma che avevano in mete a livello Federale c'è qualcosa che non va e questo lo hanno fatto a spese del campionato di Eccellenza che è stato indebolito. Per che cosa poi? Il bambino che inizia a giocare a rugby lo fa' perchè vede il giocatore famoso o la squadra che vince e se si vuole portare avanti il movimento, il vivaio, è necessario investire nel campionato di Eccellenza. Se invece si decide di investire solo su due club, le altre squadre si indeboliscono e iniziano ad avere problemi come è successo al Prato, al Parma, al Viadana che è sempre stato un colosso del rugby italiano. Lo stipendio dei giocatori, di tutti i club, sono stati più che dimezzati e di conseguenza l'impegno non può essere lo stesso. Il futuro per i giocatori è molto più duro ora. Credo che invece di fare dei passi avanti a livello di movimento nel rugby italiano siano stati fatti, invece, dei passi indietro. E' necessario tornare ad investire nei club.

(7) Come intendono i neroverdi affrontare queste ultime giornate della regular season.

Continuando ad allenarci sperando di riuscire a conquistare punti in queste ultime partite. I giocatori neroverdi ci stanno mettendo tutto e lo stanno facendo con impegno e allenamento.

(8) Prossimo fine settimana c'è il Mogliano e poi a seguire Prato, San Donà e Petrarca. Tutti incontri molti importanti ma sarà contro I Cavalieri che cercherete di puntare di più per confermare la vostra permanenza in Eccellenza?

Scendiamo in campo per cercare di prendere punti contro qualsiasi squadra, così come abbiamo dimostrato di fare contro Rovigo, Viadana e le Fiamme. Abbiamo perso un'occasione contro la Lazio. Andremo a Mogliano a testa alta ma è sicuramente contro il Prato che daremo il tutto per tutto.

(9) Come si concluderà questa stagione, quale squadra conquisterà l'ultimo posto ai play off e chi invece il campionato stesso.

Il Rovigo in questo periodo lo vedo molto in forma, ha fatto più di quaranta punti al Calvisano e cinquanta alla Lazio, è una squadra che secondo me sta vivendo un buon momento. Mogliano ha un ottimo gioco perchè ha una mediana forte, il Calvisano lo vedo un'ottima squadra ma appagata dei risultati ottenuti negli ultimi anni. I play off sono partite a se ed è difficile determinare chi potrà avere la meglio.
Per quanto riguarda il quarto posto penso che se lo giocheranno Fiamme Oro e San Donà. Tutto verrà comunque deciso nelle ultime partite.

(10) L'Italia con il Galles è riuscita a reggere solo un tempo, cosa pensi della loro prestazione in questo ultimo incontro del Sei Nazioni appena concluso.

Ho molto stima per i giocatori della Nazionale. Hanno un modo di giocare che a me non dispiace. Contro il Galles ha giocato un ottimo primo tempo, i migliori giocatori in campo sono stati proprio quelli più criticati, come Castrogiovanni. Nel secondo tempo le cose sono cambiate, dovevano forse cercare il modo di mantenere alta la concentrazione. Questo è un mio pensiero da tifoso più che da giocatore.
La prestazione dell'Italia rientra, come ti ho detto prima, nel progetto Federale che a me non piace, sono un po' critico su questo perchè non credo che stia portando frutti al rugby italiano.

:: Altre interviste ::



 
Links Correlati
· Inoltre ECCELLENZA
· News by redazione


Articolo più letto relativo a ECCELLENZA:
S10- Roma


Valutazione Articolo
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Eccellente
Molto Buono
Buono
Normale
Male


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"24/03/15 - ECC - Dieci domande a...Dario Subrizi" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Copyright 2006 by PHP-Nuke. All Right Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.


Generazione pagina: 0.22 Secondi